Premi

All the Lovers

Concorso lungometraggi internazionale al quale possono concorrere film di finzione di ogni genere, che si aggiudicheranno il premio "Ottavio Mai", del valore di 1000 euro.
Un omaggio al ricordo di chi, con la propria passione e con il proprio attivismo, ha dato vita al festival.

 

Real Lovers

Concorso internazionale documentari al quale possono concorrere documentari di ogni genere che si aggiudicheranno un premio UCCA del valore di 500 euro, con un accordo di distribuzione nazionale grazie alla partnership con UCCA (Unione Circoli Cinematografici ARCI).

 

Irregular Lovers

Concorso iconoclasta internazionale al quale possono concorrere film di ogni genere e formato con particolare attenzione all'innovazione del linguaggio narrativo e visivo. Il vincitore della sezione avrà la possibilità di frequentare una Residenza d'Artista Internazionale. Il film vincitore, poi, sarà riproposto in screening alla prossima edizione di Artissima e al Centre d'Art Contemporain di Ginevra.

 

Future Lovers

Concorso internazionale cortometraggi al quale possono partecipare film italiani e internazionali di ogni genere e formato. Il vincitore riceverà il premio "Fotogrammi Sovversivi" del valore di 300 euro – in onore degli scritti storici "Da Sodoma ad Hollywood" –, dato da Sicurezza e Lavoro, mentre la menzione speciale sarà data in partnership con il Divine Queer Festival di Torino.

 

Il cinema dalla parte del pubblico

Dato in partnership con My Movies, sarà assegnato a un film delle sezioni All the Lovers, Real Lovers e Irregular Lovers e consisterà in una produzione ad hoc dell'artista visiva Giulia Caira da sempre attiva sulle tematiche gender fluid. Il pubblico potrà votare anche online su MYmovies.it Per esprimere il proprio voto sarà sufficiente accedere alla pagina dedicata mymovies.it/vota/lovers/, selezionare il film e indicare un giudizio su una scala da 1 a 5.

 

Il Premio Stajano

Il Festival, da un'idea dello scrittore Willy Vaira, dedica un riconoscimento alla memoria di Giò Stajano, una delle figure più importanti e significative della cultura LGBTQI italiana, per troppo tempo passata in secondo piano.

Il premio consiste nella somma di 500 euro che saranno donati al film, scelto tra tutte le sezioni del programma, individuato dal comitato di selezione del festival e da Willy Vaira.

Giò Stajano, nato Gioacchino Stajano, fu il primo omosessuale pubblicamente dichiarato in Italia e il primo scrittore italiano a dare alle stampe, nel 1959, un romanzo a tematica LGBTQI, Roma capovolta (Quattrucci), che creò scalpore.
Curò due rubriche sul settimanale «Men», che furono a lungo le uniche pagine di cultura gay su un giornale italiano. Nel '92 pubblicò la sua autobiografia, La mia vita scandalosa (Sperling & Kupfer), cui seguì, nel 2007, Pubblici scandali e private virtù (Manni Editori), con Willy Vaira. Giò Stajano fu uno dei personaggi più vivaci della "dolce vita" romana, apprezzata anche da Federico Fellini, e scomparve nel 2011.

Partner
Twitter