Bullied to Death

(Bullied to Death)

Italia/USA, 2016, 4K, 72', col.

regia:

Giovanni Coda

Bullied to Death

J.R. aveva quattordici anni quando, nel 2011, si è tolto la vita per esasperazione e isolamento: esasperato dalle continue minacce di chi, a scuola e sul web, lo perseguitava e, isolato perché sentiva che nessuno poteva aiutarlo. La sua colpa? Essere omosessuale. Un episodio agghiacciante, tristemente balzato all'onore delle cronache ma che, come tanti altri, purtroppo è stato dimenticato in fretta. Il regista cagliaritano Giovanni Coda, già al TGLFF 2013 con Il rosa nudo, ne ricorda la dolorosa memoria, dando voce a chi, come J.R., è stato vittima dell'omofobia. Un film sperimentale che, combinando cinema tradizionale, interviste e videoarte, riprende una performance della durata di ventiquattro ore pensata per mettere in scena e denunciare l'inadeguatezza della nostra società di fronte a tematiche più che mai attuali.  

sceneggiatura

Giovanni Coda

montaggio

Federica Ortu

fotografia

Antonio Cauterucci

musica

Irma Toudjian, Marco Rosano, Les Sticks Fluò, Arnaldo Pontis, Cosimo Morleo

interpreti

Tedal Mann, Giovanni Dettori, Sergio Anrò, Assunta Pittaluga, Gianluca Sotgiu, Rachele Montis

produzione

Atlantis Moon

 

contatto

Giovanni Coda
jmage.studio@gmail.com

 

Giovanni Coda

Biofilmografia

Giovanni Coda vive tra Cagliari e Barcellona.  È un regista cinematografico, autore e fotografo italiano. La sua attività artistica vanta una corposa produzione che spazia dalla cinematografia alle collezioni fotografiche, pittura, arte elettronica e performance premiate in Italia e all'Estero. Nel 2013 produce il pluripremiato film Il rosa nudo, (anteprima al TGLFF ed. 2013) ispirato alla vita di Pierre Seel, deportato in un campo di concentramento all'età di 17 anni poiché schedato come omosessuale. Nel 2016 dirige Bullied to Death confermando il successo internazionale de Il rosa nudo aggiudicandosi tra gli altri il Best Avant Garde & Innovation Award al Melbourne Documentary Film Festival e partecipando di nuovo al TGLFF. Attualmente Giovanni Coda è impegnato nella produzione del suo nuovo film, Mark's Diary, la cui uscita è prevista per settembre del 2018 e nella fase di programmazione del film, ultimo capitolo (trilogia) sulla violenza di genere, La sposa nel vento, dedicato al tema del femminicidio.  

Twitter