It's Alright Michel

Canada, 2017, HD, 70', col.

regia:

Marie-Pierre Grenier

It's Alright Michel

Era il 2010 quando la regista Marie-Pierre Grenier chiese a Michel, transgender ottantenne, di raccontarsi davanti alla telecamera. Da lì il documentario Je les aime ancore, presentato al festival nel 2012. A sette anni di distanza Grenier torna sul "luogo del delitto" per continuare a raccogliere le testimonianze di Michel. Che nonostante l'incedere inesorabile degli anni, ha mantenuto intatto il proprio spirito brillante e la voglia di condividere i ricordi di un'esistenza spesso travagliata ma sempre vissuta intensamente. Alternando umorismo e nostalgia, un sigaro tra le dita ed un bicchiere di vino in mano, Michel ripercorre il proprio passato, speso ad inseguire le donne, una passione che non ha mai nascosto, fino all'ultima delusione in amore. Un flusso di coscienza che, nella mescolanza di confessioni private e memoria condivisa, traccia il percorso di un'intera comunità, quella LGBTQI canadese, che rivive ciò che è stato nelle parole di Michel.

sceneggiatura

Marie-Pierre Grenier

montaggio

Natacha Dufaux

fotografia

Marie-Pierre Grenier, Stéphanie Weber-Biron, Olivier Laberge

costumi

Marie-Claude Labrecque

suono

Marie-Pierre Grenier, Lynne Trépanier

musica

Vincent Hamel

produttore

Marie-Pierre Grenier

 

contatto

La Distributrice de films
info@ladistributrice.ca
www.ladistributrice.ca

 

Marie-Pierre Grenier

Biofilmografia

La canadese Marie-Pierre Grenier è attiva fin dalla fine degli anni Novanta in ambito televisivo e cinematografico come sound editor e foley assistant, collaborando a più di trenta progetti tra cortometraggi, lungometraggi e serial. Da sempre appassionata di cinema documentaristico, ha studiato regia presso L'Institut national de l'image et du son (L'INIS) di Montréal. Nel 2010 ha ricevuto il prestigioso NBF/INIS prize for the Best Canadian Hope in the Documentary Filmaking. Nel 2012 ha partecipato al TGLLF con Je les aime encore (2010), di cui It's Alright Michel rappresenta la prosecuzione.

Twitter