Portrait of Jason

USA, 1967, 35mm, 105', b/n

regia:

Shirley Clarke

Portrait of Jason

3 dicembre 1966. Per dodici ore, a porte chiuse nel salotto dell'appartamento in cui vive all'ultimo piano nel leggendario Chelsea Hotel di New York, l'attore di cabaret afroamericano Jason Holliday si racconta alla macchina da presa, descrivendo, in modo istrionico ed esuberante, la sua incredibile vita. A pungolarlo, per spingerlo a confessare i numerosi peccati di cui è stato colpevole, in un gioco di domanda e risposta dal sapore spesso sadico e provocatorio, la regista Shirley Clarke e il suo compagno Carl Lee: ne emerge il ritratto di un personaggio sui generis, che si trova a vivere quotidianamente sulla propria pelle le problematiche di chi è nero e gay nell'America, puritana e razzista, del secondo dopoguerra. La versione restaurata di un piccolo capolavoro del cinema d'avanguardia americano, un tour de force amaro e snervante che guarda al coevo cinéma verité francese e alla lezione di Andy Warhol. Amato da Vito Russo ed Ingmar Bergman, che lo definì "il film più straordinario che abbia mai visto".

montaggio

Shirley Clarke

fotografia

Jeri Sapanen

suono

Francis Daniel

interpreti

Jason Holliday, Shirley Clarke, Carl Lee

produttore

Shirley Clarke

produzione

Shirley Clarke Productions, Graeme Ferguson Productions

distribuzione

Reading Bloom

 

contatto

Reading Bloom
readingbloom@gmail.com
www.readingbloom.com

 

Shirley Clarke

Biofilmografia

La regista sperimentale newyorkese Shirley Clarke (1919 – 1997) nel 1955 entra a far parte del gruppo Independent Filmmakers of America e, nel 1962, fonda insieme a Jonas Mekas The Film-Makers' Cooperative. Con il documentario Skyscraper (1959) ottiene una candidatura agli Oscar e, nel 1961, esordisce nel lungometraggio con The Connection, a cui seguono, tra gli altri, Robert Frost: A Lover's Quarrel with World (1962), per cui ottiene l'Oscar per il migliore documentario, The Cool World (1963) e Portrait of Jason (1967). Negli anni Settanta e Ottanta si dedica alla video arte e, nel 1975, inizia ad insegnare presso la University of California, Los Angeles.  

Twitter