Luciérnagas

(Fireflies)

Messico/Grecia/Repubblica Dominicana, 2018, Arri Alexa, 88', col.

regia:

Bani Khoshnoudi

Luciérnagas

Nascosto a bordo di una nave cargo salpata dalla Turchia, Ramin non avrebbe mai pensato di finire accidentalmente in Messico a Veracruz. Con la speranza di raggiungere una qualsiasi meta in Europa, Ramin fugge dall'Iran, il proprio paese d'origine, perché discriminato in quanto giovane uomo gay. Fortuitamente giunto dall'altro capo del mondo, cerca disperatamente un modo per tornare indietro coprendo la distanza ora frapposta dal suo compagno e dal suo passato. Tuttavia, in uno stato sospeso tra desidero e nostalgia, Ramin comincia a intraprende nuove relazioni e trova ospitalità presso un piccolo motel a conduzione familiare. Ramin si arrabatta con altri migranti tra lavori precari e incontra Guillermo, ex-membro di una gang di El Salvador, che ha lasciato il proprio paese come unica possibilità di riscatto da un passato di violenza. Ed è qui, a Veracruz, che troveranno il modo di condividere la solitudine della migrazione e di scoprirsi vicini seppur nelle reciproche differenze.

sceneggiatura

Bani Khoshnoudi

montaggio

Miguel Schverdfinger, Gil González Penilla

fotografia

Benjamín Echazarreta

scenografia

Florent Vitse

costumi

Bertha Romero

trucco

Beatriz Vera

interpreti

Arash Marandi, Edwarda Gurrola, Luis Alberti, Eligio Meléndez, Ishbel Mata, Eduardo Mendizábal, Uriel Ledezma

produttore

Elsa Reyes, Bani Khoshnoudi, Athina Rachel Tsangari, Israel Cárdenas, Laura Amelia Guzmán, Janja Kralj

produzione

Zensky Cine, Pensée Sauvage Films, Foprocine, Haos Film, Aurora Dominicana

 

contatto

FiGa Films
contact@figafilms.com
www.figafilms.com

 

Bani Khoshnoudi

Biofilmografia

Christiaan Olwagen, nato a Cape Town (Sudafrica), ha studiato alla University of Stellenbosch, specializzandosi in direzione teatrale con Marthinus Basson. Durante il periodo di studi ha ottenuto numerosi premi, tra cui il Fleur Du Cap Award for Most Promising Student, il Rosalie van der Gucht Award for Best New Director e lo Standard Bank Young Artist Award for Theatre. Nel 2013 ha esordito con il corto . Il suo primo lungometraggio, Johnny is nie Dood nie (2016), è stato descritto dalla critica sudafricana come una pietra miliare del cinema Afrikaans.