INTANGOUT

Italia, 2018, HD, 8', col.

regia:

Vito Alfarano

INTANGOUT

Dopo aver frequentato per mesi un corso di tango, i detenuti del carcere di Brindisi sono protagonisti di un video dedicato alle origini di questo ballo, destinato ad essere danzato da uomini soli. Una condizione lo unisce a quella dei detenuti della sezione maschile, i quali, proiettando la necessità sentimentale, sono costretti a danzare con altri uomini. Ballo ibrido di persone ibride, il tango si nutre di attriti e vittimismo.

montaggio

Alessandro Gasperotto, Bruno Luca Perrone

fotografia

Dario Franciosa

trucco

Francesca Di Castri

musica

Cesko from Après La Classe

interpreti

Antonio D’Urso, Antonio Gioia, Daniele Caretto, Fabrizio Zurlo, Francesco Barnaba, Francesco De Mitri, Francesco Renna, Gianluca Calabrese, Giovanni Resta, Giuseppe Torsello

produzione

AlphaZTL Compagnia d’Arte Dinamica

 

contatto

AlphaZTL
info@alphaztl.com
www.alphaztl.com

 

Vito Alfarano

Biofilmografia

Vito Alfarano (Brindisi, 1978) inizia nel 2000 la carriera come danzatore. Le sue coreografie hanno vinto numerosi premi in competizioni internazionali. Ha creato coreografie per le compagnie Fabula Saltica, KoDance, Seoul International Dance Festival e per la Biennale Danza di Venezia. Nel suo lavoro collabora anche con detenuti, immigrati, persone con disabilità uditive e affette dalla sindrome di Down. Dal 2015 dirige la compagnia AlphaZTL Company of Dynamic Art. Si occupa di video danza e di video arte.