The Wizard of Oz

(Il mago di Oz)

USA, 1939, 35mm, 102', b/n-col.

regia:

Victor Fleming

Il mago di Oz

Dorothy vive con gli zii in una fattoria del Kansas. Il cane Toto è il suo migliore amico, mentre il suo spauracchio è la signora Gulch, la quale pretende la soppressione della bestiola, colpevole d'averla morsicata. Per salvare Toto, Dorothy decide di fuggire ma, incontrato il professor Meraviglia, decide di ritornare a casa. Appena rientrata un terribile tornado solleva la sua casa e la porta lontano, finché non plana nella terra dei Mastichini, dai quali è festosamente accolta. La nostalgia di casa è però forte e l'unico che può aiutarla a ritornare è il Mago di Oz. Seguendo il sentiero giallo fino alla Città di Smeraldo, Dorothy incontrerà sul suo cammino uno Spaventapasseri in cerca di cervello, un Leone codardo e un Uomo di Latta senza cuore e vivrà con loro una serie di straordinarie avventure. Tratto dal romanzo di L. Frank Baum, il film è uno dei vertici del musical classico, sfavillante nel proprio delirio visionario in un lussureggiante e chiassoso Technicolor e nell'invenzione di un mondo di fantasia attraversato da un motivo immortale come Somewhere over the Rainbow.

sceneggiatura

Noel Langley, Florence Ryerson, Edgar Allan Woolf

montaggio

Blanche Sewell

fotografia

Harold Rosson

interpreti

Judy Garland, Frank Morgan, Ray Bolger, Bert Lahr, Jack Haley, Billie Burke, Margaret Hamilton, Charley Grapewin, Pat Walshe, Clara Blandick

produttore

Mervyn LeRoy, Arthur Freed

produzione

Metro-Goldwyn-Mayer

 

contatto

Park Circus Limited
info@parkcircus.com
www.parkcircus.com

 

Victor Fleming

Biofilmografia

Victor Fleming (La Cañada, 1889 - Cottonwood, 1949) esordisce alla regia nel 1919, specializzandosi in film d'avventura e western. Assunto dalla MGM si dimostra a suo agio anche con la commedia, realizzando con Jean Harlow Argento vivo (1933) e Tentazione bionda (1935). Tentato sempre dal genere avventuroso, nel 1937 realizza Capitani coraggiosi, con Spencer Tracy, con il quale lavorerà nuovamente nel 1941 per Il dottor Jekyll e Mr. Hyde. Il suo nome è legato indissolubilmente alla regia de Il mago di Oz (1939) e di Via col vento (1939). Regista di sicuro e solido mestiere, morì al termine delle riprese di Giovanna d'Arco (1948).