Close-Knit: anteprima il 26 aprile

Sarà il film Close-Knit, della regista giapponese Naoko Ogigami, l'anteprima regionale organizzata dal 32° Lovers Film Festival il 26 aprile. Il film, proiettato in collaborazione con il Far East Film Festival di Udine, sarà in programma al Cinema Massimo (Sala 1) in versione originale con sottotitoli in italiano.

Il film ha vinto il Premio speciale della Giuria del Teddy Award alla Berlinale 2017, dove era stata selezionata per la sezione Panorama.

 

La proiezione inizierà alle 20.30, con biglietto unico a 5 euro (prevendite al cinema e online dal 18 aprile), e sarà seguita da un dibattito sui temi toccati dal film.

Interverranno, infatti, Irene Dionisio (direttrice 32° Lovers Film Festival), Porpora Marcasciano (sociologa, presidente onoraria Mit-Movimento Identità Transessuale), Chiara Bertone (professore associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, Presidente del Corso di Laurea in Servizio Sociale presso l'Università del Piemonte Orientale) e Christian Ballarin (Coordinamento Torino Pride - Maurice GLBTQ).

 

 

Il film

Tomo, undici anni, è spesso da sola in casa perché la madre, single, rientra sovente tardi e ubriaca. Quando la madre si allontana facendo perdere le proprie tracce, Tomo si affida a suo zio, che la prende a vivere con sé e con la sua fidanzata, Rinko.

Al loro primo incontro, Tomo resta esterrefatta nello scoprire che Rinko è una transessuale. Lei, intanto, non solo le prepara da mangiare, ma crea un nuovo ambiente famigliare destinato a venir presto minato da una drammatica frattura.

Come nel suo ultimo film, Rentanenko (2012), la regista giapponese Naoko Ogigami regala un'altra storia sulla ricerca di una via di uscita dalla solitudine. Nel caso di Tomo, la soluzione è una miscela di calore umano, buon cibo e simbolico lavoro a maglia.

Nel film è ritratta una sessualità che sfugge alle regole, un naturale stile di vita. I valori della famiglia non sono definiti in maniera convenzionale ma soltanto dall'amore e dal prendersi cura l'uno dell'altro.

 

La regista

Naoko Ogigami è nata nella Prefettura di Chiba nel 1972, ha studiato all'Università di Chiba prima di trasferirsi negli Stati Uniti nel 1994, per studiare cinema all'Università della California meridionale. È tornata in Giappone nel 2000. Il suo primo lungometraggio è Barber Yoshino, proiettato nel programma Berlinale Generation nel 2004. Sono seguiti Megane e Rentanenko. Close-Knit è il suo quarto film selezionato alla Berlinale.

 

 

_____________

 

 

Nei giorni successivi la proiezione Close-Knit – il 28 aprile – verrà chiusa la call per l'iscrizione dei film al 32° Lovers Film Festival – Torino LGBTQI Visions, lanciata lo scorso 28 marzo.

Partner
Twitter